Compreso
Visualizza dettagli
Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi.

Scena, un paradiso turistico per tutti

La destinazione turistica di Scena si estende su una superficie di 48 km² con le frazioni di Verdines, San Giorgio, Monte Scena, Obertall e Untertall; al pendio soleggiato crescono palme e cipressi, mele, uva e castagne.

Il pittoresco e riorganizzato centro del paese con le sue 3 chiese, il mausoleo dell’arciduca Giovanni d’Austria e lo sfarzoso Castello di Scena è una vera attrazione.

I 225 km di sentieri includono sentieri della roggia, sentieri per malghe verdi e per pendii di rose alpine ed alte vie. Lungo tutti i sentieri potete trovare numerosi posti di ristoro, malghe e rifugi. Inoltre: 50 esercizi alberghieri con piscina coperta e 100 esercizi alberghieri con piscina scoperta invitano ad un’atmosfera piacevole e ad ospitalità.


Il Castello di Scena

Costruito intorno al 1350, Castel Schenna è uno dei castelli più belli e importanti dell’Alto Adige. Le numerose collezioni dell’arciduca Giovanni, gli arredi originali con oggetti personali della vita quotidiana dell’epoca, le armi che risalgono a sei secoli differenti, i ritratti di diversi membri della casa d’Asburgo e della famiglia comitale, la più vasta collezione privata dedicata ad Andreas Hofer, le splendide stufe, il servizio da tavola dell’arciduca e infine la magnifica posizione elevata al di sopra di Merano, un tempo capoluogo della contea del Tirolo, con le viste incantevoli sul circondario e sulle montagne circostanti: ecco perché una visita a Castel Schenna con la guida dei padroni di casa è un’esperienza indimenticabile.

Il Mausoleo di Scena

Il Mausoleo di Scena è una cappella funeraria unica, con una struttura architettonica particolare protesa verso il cielo e un ambiente interno armonioso, decorato con maestria e inondato di luce e colori.
È un luogo magico ricco di storia e di storie, un “luogo della memoria”
che evoca ricordi ben diversi da quelli accademici.

È uno degli edifici sacri neogotici più belli e meglio riusciti del XIX secolo, costruito e decorato da rinomati artisti dell’epoca ed estrema dimora monumentale di un uomo che si è guadagnato un posto
nei libri di storia quale personalità straordinaria del casato d’Asburgo e che ancora oggi
è amato per il suo operato: l’arciduca Giovanni d’Austria.

Nel 2019 abbiamo festeggiato i 150 anni del Mausoleo e in quell’occasione è uscito il primo libro dedicato a questo monumento. La pubblicazione non solo illustra le caratteristiche architettoniche e artistiche del Mausoleo, ma celebra anche le azioni dell’arciduca Giovanni in Tirolo. In questo libro corredato di molte immagini alcuni saggi di autori di fama descrivono le caratteristiche uniche del Mausoleo, uno degli emblemi del centro di Scena.

Nuova chiesa parrocchiale di Scena

Tra il 1914 e il 1931 è stata costruita la chiesa parrocchiale neogotica di Scena. Con il passare del tempo la vecchia chiesa si dimostrò sempre più piccola, rendendo così necessaria la costruzione di una dimora più spaziosa. La vicinanza a scuola, casa per anziani e sagrestia e podere della pieve hanno dato il colpo decisivo per la posizione centrale. L'altare è decorato con statue dei 12 apostoli; molto suggestivi i 14 capitelli della via crucis intagliati da Johann Muhry. Le vetrate provengono dalla Tiroler Glasmalereianstalt di Innsbruck. Il nuovo organo fu realizzato nel 1993 e é composto da 32 registri, corpo principale, retropositivo e pedale e ha 2.744 canne. Nella torre alta 35 m pendono sette campane. Tutte le campane vengono fatte suonare solo nelle giornate di festa importanti. Le dimensioni delle tombe sono state uniformate nel 1972 e il cimitero è stato rinnovato; qui i defunti trovano un degno luogo di riposo. Al centro un sobrio monumento ricorda i 108 caduti di entrambe le guerre mondiali.

Schenna im Meraner Land
Hotels vom Feinsten
Südtirol Dachmarke
Booking Südtirol